Wednesday, January 27, 2010

LA MEMORIA...

Oggi è il giorno della memoria, lo sanno anche i sassi, oramai...io faccio sempre molta, moltissima fatica a vedere sopattutto film sull'olocausto. Resto sconvolta. Spero come tutti. Ma ho analizzato questo sconvolgimento che non mi lascia respirare, una sorta di attacco di panico. Ho paura. Paura che tutto questo possa succedere ancora. Come in realtà succede in tanti posti, nel mondo. E' giusto ricordare quel che è successo, le vittime, le violenze compiute dall'esercito. Ma ciò che dobbiamo sempre ricordare, è che tutto questo è accaduto perchè la gente, quelli qualunque, come ognuno di noi, ha voltato la testa dall'altra parte, ha lasciato che tutto ciò avvenisse. Ecco cosa mi sconvolge; l'indifferenza e la finta normalità; la testa abbassata, gli occhi che guardano dall'altra parte, le orecchie che si tappano.
Alziamo la testa.
Apriamo gli occhi.
E urliamo, forte, contro ogni ingiustizia.

2 comments:

Maura said...

Secondo me, invece, la nostra reazione è causata da una profonda identificazione con l'altro... Ed è questo su cui dovremmo lavorare: rendere ogni persona capace di vedere se stesso nel prossimo, aiutarla a rendersi umana. Altrimenti, nella difficoltà, co sarà sempre qualcuno che vedrà nell'altro un concorrente nel raggiungimento dei beni primari, non un uomo ma, semplicente, un ostacolo da eliminare...

Silvia said...

Immedesimarsi nell'altro
Basterebbe questo
Per non cominciare neanche
A creare sofferenza